Libera manifestazione di pensiero

Comunicato

Il giorno 28 dicembre 2018 a Pistoia, una attivista della Alleanza Beni Comuni di Pistoia è stata multata dalla Polizia Municipale del Comune per violazione dell’art. 16 del Regolamento comunale di Igiene: stava distribuendo volantini per pubblicizzare il convegno “LA TERRA GRIDA!“ contro l’uso/abuso di pesticidi e fitofarmaci in agricoltura, visti i danni provocati ad ambiente e salute.

Quello che a prima vista potrebbe apparire solo uno spiacevole episodio, in realtà è una grave violazione di un principio costituzionale (art. 21 “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.”) nonché di leggi e trattati internazionali di tutela della libertà dell’individuo.

Stupisce anzitutto la presenza e l’ispezione della Polizia Municipale, i cui agenti normalmente intervengono a seguito di precisa segnalazione da parte di singoli cittadini o autorità; ci chiediamo se qualcuno si sia sentito minacciato in qualche modo.

L’articolo del regolamento d’igiene di cui è stata contestata la violazione recita:

Art.16 (Divieto distribuzione ed applicazione volantini pubblicitari) E’ vietato il gettito, la distribuzione manuale e l’applicazione sulle auto di volantini e di qualsiasi materiale cartaceo di tipo pubblicitario-commerciale.”

La ratio dell’articolo è chiaramente quella di evitare che i volantinaggi per scopi pubblicitario-commerciale si trasformino in cartaccia gettata per terra: una sanzione, quindi, che punisce un comportamento contrario a quello di chi, associazione e attivista, avversa l’inquinamento in tutte le sue forme con una quotidiana attività sul territorio.

I nostri amministratori sanno bene poi che la Corte Costituzionale ha stabilito che non può essere assimilata a pubblicità commerciale la propaganda ideologica o politica, che di conseguenza non è suscettibile di imposte sulle affissioni, né di particolari limitazioni come previsto dall’articolo 21 della Costituzione.

Pertanto chiediamo all’amministrazione comunale di Pistoia di esprimersi in merito: si è trattato di un errore o di una precisa volontà di limitare la manifestazione di un pensiero?

Associazione Officina

Link al documento: comunicato